Vai al menù principale |  Vai ai contenuti della pagina
Amministrazione Trasparente

icoIn primo piano

icoAree Tematiche

icoServizi OnLine

icoAltri Servizi

Seguici su Facebook
Dimensione testo:
     

GUIDA AI SERVIZI

ASSEGNO DI MATERNITA'

Questo servizio è stato letto 9258 volte
Visualizza le news dell'area: Servizi alla persona
Visualizza la scheda: AFFARI GENERALI : SEGRETERIA - PROTOCOLLO - STAMPA (Area amministrativa e servizi alla persona)
Questo servizio è collegato ai seguenti Eventi della vita: Essere disoccupati, Essere cittadino straniero in Italia, Adozione e affidamento, Maternità e parto

L'assegno di maternità (art.66 Legge 448/98) consiste nella corresponsione di un assegno mensile, per 5 mesi, riservato alle madri che non lavorano e si trovano nella situazione di non poter fruire di alcuna contribuzione previdenziale da parte dell'INPS o di altro istituto previdenziale.
Qualora le madri lavoratrici godano di un'indennità di maternità, corrisposta da enti previdenziali, inferiore ad Euro 311,27 mensili, potranno richiedere un assegno di maternità il cui importo sarà decurtato di tale indennità.
L'assegno di maternità dello Stato (comma 8-art.49 Legge 488/99) non può essere cumulato con quello previsto dall'art.66 Legge 448/98.

Per l'anno 2018 l'importo è di 342,62 euro mensili, per un totale di 1.713,10 euro per ciascun figlio nato.

Per aver diritto all'assegno le madri devono essere residenti, cittadine italiane, comunitarie od extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno.

Dall'anno 2000 l'assegno di maternità é concesso anche a madri che abbiano avuto dei figli in affido preadottivo o in adozione, purché i minori non abbiano superato i sei anni di età al momento dell'adozione o dell'affido.

Il diritto all'assegno è subordinato a limiti di reddito, alla numerosità della famiglia e ad altre specifiche condizioni, considerate attraverso dei parametri, l'Indicatore della Situazione Economica (Ise), e l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee).

L'importo dell'assegno di maternità è soggetto a variazioni di anno in anno. E' necessario quindi rivolgersi all'ufficio comunale competente per più precise informazioni.

Per esempio, per l'anno 2018, il valore ISEE massimo è 17.141,45 euro, l'attestazione può essere richiesta presso gli uffici comunali oppure presso i CAF.

Il termine di presentazione delle domande è entro 6 mesi dalla nascita del figlio.
Al pagamento degli assegni provvederà l'INPS, previa verifica da parte degli Uffici Comunali del possesso dei requisiti di legge da parte dei richiedenti.

A CHI RIVOLGERSI:
AFFARI GENERALI : SEGRETERIA - PROTOCOLLO - STAMPA (Area amministrativa e servizi alla persona)
Tel: 0331.460461 - opzione 2
Fax: 0331.461448
Email: segreteria@comune.arconate.mi.it
COSA OCCORRE:

Con la domanda deve essere presentata la seguente documentazione:
- attestazione ISEE (vedasi pagina on line dedicata).

 

TEMPI:

Per ottenere l'assegno di maternità, la domanda deve essere presentata dalla madre entro 6 mesi dal parto, affido o adozione presso l'Ufficio Servizi alla Persona oppure presso l'Ufficio Assistenza Fiscale.


Documenti / Moduli / Regolamenti disponibili:
  • -> visualizza/scarica il documento in formato DOC
    DOC
    richiesta assegno di maternità